Torbole Casaglia (BS), Via Cavallera, 34
Orari di apertura al pubblico:
Dal Lunedì al Sabato : 9.00-12.00 • 15.00-19.00 - Domenica dalle 15.30 alle 18.30

TAVOLI, SEDIE, ARREDAMENTO

0 prodotti - € 0,00
Non hai articoli nel carrello.

Idee&Suggerimenti

 

1-Cameretta per due

Una libreria bifacciale divide la cameretta per due in zone, per una maggiore privacy e per sfruttare lo spazio al centro.

 
Nella  camera per i  ragazzi  spesso c'è  il problema di come sfruttare al meglio lo spazio, specie se i figli sono due e per entrambi si deve prevedere l’inserimento di letto e armadio, se non anche di una zona studio.
Quando si arreda una cameretta per due fratelli/sorelle che tra poco saranno adolescenti, bisogna cercare per prima cosa di garantire ad ognugno il proprio spazio, garandendo un minimo di privacy e allestendo la stanza in modo che possa far fronte anche alle future esigenze.
 
 

 

La cameretta è profettata con una libreria separatoria, che con l'aggiunta di cubi chiusi permette una personalizzazione, in base a quanto si vuole far comunicare le due zone della cameretta. I  letti utilizzati sono corredati di una libreria laterale in modo da sfruttare al meglio lo spazio disponibile.Non possono mancare poi i comodini, dotati di rotelle per  per essere facilmente spostabili. In questo caso, sopra i letti si è deciso di appendere un solo bussolotto per non appesantire la stanza, in alternativa si possono aggiungere dei pensili autoportanti che  diventerebbero un spazio capiente e molto utile.In entrambi i lati si è deciso di studiare un angolo studio per i compiti o i giochi. 
Infine è stato inserito un modulo armadio.
 
 

2.Angolo studio in soggiorno: integrato nella libreria o in un mobile trasformabile

Se una stanza da dedicare a studio non c'è, si possono trovare numerose soluzioni, dal design curato, perfette per il soggiorno. Da Inserire in una parete attrezzata o in un mobile trasformabile anche di dimensioni contenute.

Per avere un piccolo studio funzionale e dall’impatto estetico gradevole, non serve un’intera stanza; può essere sufficiente anche organizzare un angolo, anche mini, all’interno del living. Gli arredi irrinunciabili sono una scrivania o un semplice piano-scrittoio e almeno un contenitore in cui poter riporre tutto il necessario quando non serve.

Se invece lo spazio lo consente si potranno aggiungere mobili contenitore in cui “nascondere” la stampante e tutti gli altri accessori necessari. Le soluzioni che vi proponiamo offrono la possibilità di scegliere tra una zona studio (grande o piccola) perfettamente integrata all’interno di una composizione a parete o di una libreria, e una serie di mobili trasformabili che, una volta aperti, rivelano un comodo piano di lavoro e tanti vani portatutto.

 

 
 
3. Lavanderia funzionale  
Con il mutare degli stili e delle consuetudini di vita, anche la stanza da bagno si è progressivamente evoluta trasformandosi da semplice locale di servizio ad ambiente dove possono coabitare armoniosamente più funzionalità.
 
 
Ogni cosa al suo posto ed ogni cosa ha il suo posto. 
Un sogno che si avvera, la lavanderia perfetta oggi esiste, funzionale, pratica, tutto a portata di mano, senza tralasciare il gusto estetico. 
Noi possiamo realizzarla per te...

Tutti gli elementi  vengono progettati per garantire la massima idrorepellenza e per rendere più funzionale lo spazio dedicato ai servizi di casa.
 
 
Disporre di una zona lavanderia dentro casa può essere il sogno di molti ma sicuramente non è un lusso per pochi. Basta qualche metro quadro per configurare un angolo lavanderia ben organizzato entro l'ambiente bagno, in modo da far coesistere le differenti funzionalità senza rinunciare allo stile e alla luminosità.
 
 
 
4.Ingresso aperto sul soggiorno. Idee da copiare

Il corridoio d'ingresso è un ambiente di passaggio, che ha però un ruolo fondamentale perché condiziona l’impressione che si ha dell’intera casa e deve anche essere uno spazio funzionale.

 

Aperto, ma non del tutto: per rendere più spaziosa la zona giorno, l’ingresso viene spesso annesso. Per arredarlo basta un mobile protagonista e per definirlo, senza perdere il contatto con l’ambiente circostante, la cosa più semplice è giocare con i colori delle pareti. Se il primo suggerimento è quello di tinteggiare le pareti di una tonalità differente dal resto dell’ambiente, un altro modo efficace per definire questa zona è quello di creare dei giochi dei volumi realizzando un controsoffitto. Entrando in soggiorno si avrà poi la sensazione di maggiore spazio: il merito è nel dislivello dei soffitti

Il ruolo della luce: spesso l’ingresso è privo di finestre, quindi bisogna puntare sull’illuminazione artificiale. Se c’è l’abbassamento del soffitto, la soluzione sono i faretti, altrimenti sono adatte soprattutto applique e plafoniere. I lampadari si prestano meno, a meno che si tratti di locali di ampie dimensioni e con plafoni alti. Se l’ingresso dà su un corridoio lungo e stretto, la priorità è quasi sicuramente la luminosità: quindi servono colori chiari e lampade mirate, dotate possibilmente di dimmer per regolare l’intensità del flusso luminoso.

Spesso c’è, però, anche il problema del guardaroba: quando non c’è spazio per un armadio chiuso, si può optare per piacevoli ganci da parete: sistemati sul lato corto del locale, che in genere è proprio dietro la porta, rimangono abbastanza nascosti e sono molto pratici.Trasparenti per farli passare inosservati, possono viceversa decorare la parete puntando su colori, linee e finiture più evidenti. Per ottimizzare lo spazio contenitivo, limitando la profondità del mobile, basta chiudere qualche vano di una libreria: in soli 25 cm è in grado di accogliere la maggior parte degli oggetti che si lasciano all’entrata.

In qualunque ingresso servono almeno un piano d’appoggio e un contenitore chiuso (ad anta o cassetto). Se poi c’è qualche vano aperto, per sistemare ad esempio le guide del telefono, il più è risolto. E visto che parliamo di ambienti semiaperti sul soggiorno, una madia divisa in più scomparti rappresenta spesso la soluzione. Bianca, di linea essenziale sta bene anche nel contesto più tradizionale. Come in tutte le stanze serve un punto attenzionale. Uno specchio per esempio, sistemato sopra un mobile da valorizzare. È importante anche la porta d’entrata: se ci sono altre porte che affacciano sullo stesso ambiente, vanno coordinate tipologia e finitura.

E nel soggiorno

Scelto di lasciare chiaro l’ingresso e volendo dipingere il soggiorno, si  può anche pensare di differenziare la zona cottura per connotarla rispetto al resto della stanza. Lo smalto che è lavabile sostituisce perfettamente le piastrelle. Sulle pareti con le tende meglio puntare all’uniformità, quindi tutto chiaro. Ricordate: il colore cattura l’attenzione, quindi non va usato in punti dove potrebbero risaltare imprecisioni o difetti, come infissi magari non in perfetto stato. Per la cucina a vista, la soluzione con penisola è la preferita quando soggiorno e zona cottura condividono lo stesso ambiente. Non solo è un sistema efficace per dividere la stanza, ma offre sempre la sensazione di ampiezza e respiro. Se si scelgonosgabelli, da usare tutti i giorni per il bancone, è bene optare per un minimo di schienale che rende più confortevole l’appoggio. Per il salotto, il divano angolare con modulo a penisola basta da solo a definire la zona conversazione perché crea un angolo circoscritto

 
 
 
5.Arredare il soggiorno a tinte soft e rilassanti
Vi piacciono mobili e complementi dalle linee essenziali e moderne? Ecco i consigli per abbinare colori e finiture per un soggiorno elegante e raffinato, ma al tempo stesso caldo e accogliente.
 
 
In ogni ambiente della casa è scelta dei colori e delle finiture che concorre più di tutto – in misura persino maggiore del materiale scelto – al risultato finale, all’effetto d’insieme: le tonalità di elementi tessili, arredi e anche di pavimenti e pareti sono la vera anima degli ambienti e contribuiscono a creare la prima impressione di una stanza. Il soggiorno nella foto sotto è arredato sui toni del blu, dell’azzurro e dei grigi; il pavimento è in legno scuro. Il risultato è una rilassante eleganza. Divano, tappeti, tendaggi, sedie, anche il piano in pelle dei tavolini: nelle finiture e nei tessuti queste tonalità, utilizzate in gradazione per i diversi elementi, hanno soprattutto l’obiettivo di richiamare ed enfatizzare i colori naturali dell’esterno dell’appartamento, che affaccia su una terrazza panoramica. L’azzurro del cielo si armonizza quindi con l’ambiente indoor. I toni dell’azzurro e del blu sono i colori del relax e della quiete: risaltano e vengono valorizzati dal contrasto con uno sfondo scuro (in questo caso il pavimento in wengé) o bianco.
Anche nella zona pranzo, la palette cromatica si accorda molto con quella del zona conversazione, con la differenza però che le tonalità si schiariscono, diventando più soft. Così l’azzurro si sfuma maggiormente nella finitura della parete e il grigio è molto tenue nelle ampie superfici dei piani di lavoro in acciaio satinato. Delicato anche il diffusore della lampada, in essenza chiara di bambù. Questi colori discreti risultano particolarmente sensibili alla luce, che li attraversa e li modifica, e sono quindi molto versatili negli accostamenti. I toni scuri del legno del parquet evidenziano note cromatiche in contrasto che assumono quindi un ruolo decisivo nell’ambiente dove regna un perfetto equilibrio grazie a misurate alternanze
 
 
 
 
 
 
 
6.Tante idee e consigli per rendere più grande e spazioso un piccolo appartamento
Usare colori chiari, specchi e superfici che riflettono la luce aiutano a rendere gli spazi più grandi: un’ottima illuminazione infatti è il segreto per dare ampiezza anche agli spazi più piccoli.
 
Piccoli pezzi per piccoli ambienti
Negli ambienti piccoli dovrebbero esser banditi mobili ingombranti e scuri: oltre ad occupare fisicamente tanto spazio rendendo angusto l’ambiente, creano un senso di pienezza del locale che potrebbe far risultare lo spazio più piccolo di quello che è: scegliete quindi, per esempio, divani ben proporzionati all’ambiente, dal colore chiaro e dalle linee pulite che possano entrare in armonia con l’ambiente intero.
Sul divano inoltre sistemate dei cuscini in raso: il tessuto riflette la luce più di un tessuto tipo il cotone.
Se volete decorare le pareti, sappiate che un o due quadri di grandi dimensioni allargano lo spazio visivo in maniera maggiore rispetto a tanti piccole cornici o quadretti e rendono l’ambiente più ordinato e pulito.
 
 
Mobili multiuso
Scegliete sempre mobili che possano assolvere a più funzioni: ad esempio letti muniti di cassone contenitore, pouf contenitori, mobili libreria che possano accogliere la tv e tavolini con almeno un cassetto: questo vi aiuterà molto nella “missione ordine”
 
Ordine tassativo
Cercate di mantenere il vostro piccolo appartamento il più ordinato possibile: se avete tanti libri sistemateli in ordine di grandezza e vedrete che il risultato sarà sorprendente: le proporzioni della libreria avranno più armonia con l’ambiente. Usate tende a pannello bianche, così da non avere l’ingombro di tende che potrebbero catturare troppo spazio.
 
Mobili lontano dal muro
Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i mobili contro il muro opprimono l’ambiente; è altresì vero che in alcuni casi non ci sono alternative, ma provate semplicemente, per esempio, a distanziare il tavolino o i comodoni, dal muro e dal divano o letto: vedrete che la stanza acquisterà uno spazio visivo più ampio.